lunedì 24 gennaio 2011

Rubrica: Into The Books (1)

"Into The Books" è la nuova rubrica, la quale si ispira a Teaser Tuesdays, che da tempo pensavo di creare e che ho già preannuciato in diversi post precedenti. La cadenza sarà variabile, dipende da quando finisco il libro in lettura.
Le regole sono:
  • Prendere il libro che si ha appena finito di leggere
  • Scrivere una breve introduzione
  • Riportare una pagina che si ritiene importante o che ha colpito indipendentemente da eventuali spoiler
  • Riportare la pagina e i dati del libro

Il primo libro di questa rubrica è Naufragio sul Pianeta Darkover.

INTRODUZIONE
In un futuro non precisato la Terra si presta ad andare incontro a un collasso per via della densità demografica. L'unica soluzione per garantire la sopravvivenza di tutti è esplorare e colonizzare altri pianeti che posseggano le caratteristiche necessarie per l'adattamento della specie umana. Tuttavia, durante una spedizione coloniale si verifica una tempesta spaziale e l'astronave deve effettuare un atterraggio d'emergenza virando su un pianeta sconosciuto, non presente sulle carte spaziali. Questo pianeta è Darkover...
  
ESTRATTO
Per il momento in cui arriverà il bambino, probabilmente avrai anche ormoni normali, e sarai una buona madre. Altrimenti... be', almeno avrà i tuoi geni, e lo daremo a qualche donna sterile perché lo allevi al posto tuo. Abbi fiducia in me, Camilla.
- Stai cercando di dirmi che devo avere questo bambino?
- Lo sto facendo, sicuro come l'inferno - rispose Ewen, e improvvisamente la sua voce diventò dura. - E anche altri, purché tu riesca a portare a termine la gravidanza. C'è una possibilità su due che tu abbia un aborto.
Con fermezza e senza esitare, ripetè le statistiche che MacAran aveva sentito da Moray prima, quello stesso giorno. - Se siamo fortunati, Camilla, abbiamo cinquantanove donne fertili ora. Anche se tutte rimangono incinte quest'anno, saremo fortunati se avremo dodici bambini vivi... e il livello vitale perché questa colonia sopravviva indica che dobbiamo elevare il nostro numero fino a circa
quattrocento membri, prima che le donne più anziane comincino a perdere la loro fertilità. Sarà rischioso, e ho la sensazione che qualsiasi donna che rifiuterà di avere i bambini che può tollerare fisicamente diventerà terribilmente impopolare. Un Nemico Pubblico Numero Uno o qualcosa di simile.
La voce di Ewen era dura, ma, con la sensibilità intensificata che conosceva da quando il primo Vento lo aveva spalancato all'emozione degli altri, si rese conto delle immagini spaventose che turbinavano nella mente di Camilla: non una persona, ma solo una cosa, un grembo ambulante, una cosa usata per la procreazione, la mia mente da parte, le mie abilità inutili...
- Non sarà così male - la consolò con profonda partecipazione. - Avrai un sacco di cose da fare. Ma questo è il modo in cui deve essere. Sono sicuro che per te è peggio di quanto non lo sia per alcune altre, ma è lo stesso per tutte. Da questo dipende la nostra sopravvivenza. - Distolse lo sguardo da lei: non riusciva ad affrontare l'esplosione della sua ira.
p. 145 "Naufragio sul Pianeta Darkover" di Marion Zimmer Bradley (Nord)

Nessun commento:

Posta un commento