mercoledì 15 giugno 2011

Recensione Il Labirinto delle Streghe

Image and video hosting by TinyPic

In attesa di sapere qualcosa di più sui tre libri che dovrebbero uscire in questo mese della Delos, posto la recensione de "Il Labirinto delle Streghe" di Jeanne Kalogridis, famosa per aver scritto la trilogia de "I Diari della Famiglia Dracula", diverse serie su "Star Trek" non uscite in Italia e alcuni romanzi singoli tra cui quello che vorrei recensire. In realtà questo l'ho letto diverso tempo fa.
Inoltre, il 18 GIUGNO termina il GIVEWAY, indetto dal blog Romanticamente Fantasy, di Rot and Ruin, uno dei tre libri delos in uscita. Io è da un pò che lo aspetto quindi non mi faccio sfuggire l'occasione e tento la fortuna partecipando al giveaway.

TRAMA
Anno del Signore 1357. Anche in Francia l'Inquisizione ricerca e condanna spietatamente gli eretici incoraggiando la caccia alle streghe. Suor Marie Françoise, nata Sybille, sin da bambina ha dimostrato un grande talento per la magia, un dono chiaramente malvisto dalla Chiesa cattolica. Per questo, dopo essere stata iniziata al culto di Diana, ha abbandonato il suo villaggio e si è rifugiata sotto mentite spoglie in un convento francescano. I suoi persecutori non tardano però a rintracciarla, così Sybille è processata e sta per essere mandata al rogo. Sembra tutto già scritto, a meno che il pio monaco mandato a raccoglierne la confessione, Michel, turbato dal racconto della presunta strega, non riconosca quanto i loro due destini siano legati in modo oscuro e indissolubile. Con la precisione e l'arte di un'alchimista, Jeanne Kalogridis ha creato la storia di una donna che osò sfidare le fiamme dell'Inquisizione, di un amore osteggiato dalle stelle, tra fede ed eresia, misticismo e stregoneria, su uno sfondo storico meravigliosamente evocato: l'epidemia di peste, la Guerra dei Cent'Anni e la catastrofica sconfitta della Francia per mano degli Inglesi. Il risultato è un romanzo su un'epoca densa di misteri, che si legge tutto d'un fiato.

RECENSIONE
Questo libro, non facente parte di nessuna serie, l'ho concluso qualche giorno fa leggendolo molto lentamente per via delle mille materie che ho da studiare in questo periodo e non è stato male ma poteva essere meglio.
L'ho trovato in alcuni punti molto piatto e privo di azione e colpi di scena dove ve ne sarebbero dovuti essere per mandare avanti la storia. Forse ciò è dovuto al fatto che la maggiorparte della narrazione consiste nel racconto della vita dalla protagonista in prima persona grazie a flashback.
Un altro lato negativo, secondo il mio modo di vedere le cose, è la troppa religiosità che impregna tutta la narrazione. E' vero che la religione in questione non è quella cattolica, anche se è presente, ma io l'ho trovata comunque troppo invasiva.
Nonostante ciò ho potuto notare una descrizione della peste, della guerra dei cent'anni, della caccia alle streghe e dell'ambientazione in generale molto accurata e viva.
Il libro racconta di una badessa, Marie Françoise, della seconda metà del '300 condannata al rogo per stregoneria che narra ad uno scrivano, Michel, la sua storia e quella del suo Amore. Mentre ella racconta lui si sente stranamente coinvolto e non può fare a meno di provare una tenera compassione. Lei era una bambina nata in un piccolo villaggio cresciuta dalla nonna, fedele al culto della Dea, e dai suoi genitori. Ha vissuto un'infanzia abbastanza felice finché non è scoppiata la peste che ha seminato morte, distruzione e miseria e la sua vita ha preso una svolta decisiva con il sacrificio della nonna. Qui entra in gioco anche il suo Amore, cioè la sua anima gemella predestinata che da quel momento sarà sempre alla ricerca. Fuggita dal villaggio natio, si è rifugiata a Carassone nascondendosi sotto le mentite spoglie di una suora ma il suo Nemico di sempre, colui che l'ha perseguita sin dalla nascita, sembra averla trovata e con una trappola l'ha catturata. Qui si conclude il racconto della badessa anche se non tutto sembra essere ancora deciso e alla fine ella rivela allo scrivano verità sconvolgenti e difficili da credere che lo coinvolgono in prima persona e spiegano il suo quasi peccaminoso interesse per lei.
L'autrice, Jeanne Kalogridis, ha scritto altri romanzi storici tra cui la trilogia di Vlad il Vampiro I diari della famiglia Dracula fra l'altro risultati dalla critica migliori di questo romanzo.  

VOTO: ***

Titolo: Il Labirinto delle Streghe
Autore: Jeanne Kalogridis
Editore: Newton Compton
Pagine: 365 
Prezzo: 9,90

Nessun commento:

Posta un commento